Il peso delle parole
(Fonte del video: Facebook)

Avete ascoltato? Cosa può pensare chi vorrebbe denunciare e ascolta parole simili pronunciate da un uomo delle istituzioni?

Nel giro di pochi minuti il Prefetto Reppucci ha da un lato riconosciuto e confermato che le ’ndrine che detengono il potere in Calabria sono: Arena, Procopio, Sia, Lentini… cioè le stesse che ho denunciato e fatto condannare con sentenze passate in giudicato, dall’altro poco dopo afferma letteralmente, in modo banale, con un linguaggio inappropriato per un uomo delle istituzioni che se si è determinato di sospendermi la scorta probabilmente è perché dalle evidenze in possesso delle prefetture (riporto testualmente) “A Masciari nessuno se lo fila più della ‘ndrangheta”… Fa male però ancora una volta constatare come si tenda a liquidare con eccessiva superficialità scelte e situazioni che potrebbero irrimediabilmente cambiare o far cessare la vita delle persone. Dagli uomini delle istituzioni, dalle istituzioni stesse, ci si aspetterebbe maggiore riguardo, rispetto e attenzione.

Come ho più volte detto, all’indomani di un evento irrimediabile, non è ammessa la possibilità di dire che si è fatto “un tragico errore di valutazione”! Non è accettabile! Lascio a voi ogni possibile riflessione.

(Fonte del video: Facebook)