Primavera della Calabria scrive al Prefetto di Catanzaro

Il Silenzio che lo Stato sta opponendo alle legittime richieste di Masciari,  non è Arma del mondo civile! Urgono risposte. Lo Stato DEVE DARLE!  

Primavera della Calabria

Il laboratorio politico “Primavera della Calabria”, che ringrazio, in data odierna, tramite un comunicato stampa, ha reso pubblico il testo di una missiva indirizzata al Prefetto di Catanzaro:

“Primavera della Calabria si è lanciata a spada tratta contro una ingiustizia che immediatamente è apparsa così come si presenta. Devastante. Può la lotta alla criminalità avere una scadenza? Può far crollare la garanzia di sostegno a chi mette in gioco la propria vita ? Che segnale si affida ? In sintesi: lottare contro la Ndrangheta non conviene, perché lo Stato ti può lasciare di punto in bianco. Pdc non ci crede e contribuisce alla manifestazione a sostegno di Pino Masciari presentando  una richiesta alla prefettura:

A Sua Eccellenza 
Signor Prefetto di Catanzaro


Pino Masciari è un testimone di giustizia. Un uomo che ha offerto la sua libertà allo Stato. Quello Stato che oggi usa  il ” burocratese” per revocargli la scorta.  

Uno Stato a cui chiediamo, invece, un linguaggio chiaro ed  esplicito soprattutto quando è in gioco la sua stessa credibilità. 

La lotta alle mafie passa attraverso comportamenti coerenti.
Vogliamo credere che si stia facendo di tutto per scongiurare un epilogo tristissimo di questa vicenda. 

Una vicenda che lascia l’ amaro in bocca a tutti i cittadini che credono ancora nelle istituzioni. 

Chiediamo a gran voce che venga garantita la sicurezza e l’incolumità a quest’ uomo ed alla sua famiglia

Il Silenzio che lo Stato sta opponendo alle legittime richieste di Masciari,  non è Arma del mondo civile! Urgono risposte. Lo Stato DEVE DARLE!  
Se un cittadino onesto denunzia, se grazie a quella denuncia partono inchieste e si sviluppano procedimenti, se le accuse vengono dimostrate e si giunge a tante   condanne,
 QUEL CITTADINO E LA SUA FAMIGLIA VANNO PROTETTI SEMPRE, a prescindere da questioni amministrative. 

Non abbasseremo la guardia. Noi conosciamo il valore e l’importanza della gratitudine. 
Signor Prefetto, si faccia latore di questo messaggio di civiltà. 
Disinneschiamo le  beghe burocratiche. Di ndrangheta e di mafia si muore!

Disinneschiamo le  beghe burocratiche. Di ndrangheta e di mafia si muore!

Primavera della Calabria